Focus

Pensione cecità - Informazioni utili

Stai cercando informazioni riguardo la pensione di cecità?

Se pensi di avere diritto ad una pensione di accompagnamento, di invalidità civile 100% o parziale, di sordomutismo o, appunto, di cecità, compresa cecità parziale e legge 104, allora ti trovi sul sito giusto.

In questo articolo, in particolare, ti forniremo una guida per capire quali sono le varie tipologie di pensione cecità, chi ne ha diritto e come presentare la domanda.

Andiamo quindi a scoprire tutto ciò che c’è da sapere.

Tutto quello che devi sapere sulla pensione cecità

L’INPS comunica ufficialmente ogni anno, in base all’inflazione e al costo della vita, quali sono gli importi erogabili a sostegno delle persone invalide, compreso per le pensioni di cecità. Stabilendo anche eventuali limiti reddituali.

Occorre ricordare che le categorie che hanno diritto ad accedere al riconoscimento di una pensione di invalidità sono i mutilati e gli invalidi civili, gli affetti da drepanocitosi, i talassemici, i sordi e appunto i ciechi.

Pensioni e cecità: tipologie

Quando si parla di cecità, possono esserci ovviamente diversi casi: dall’invalidità per cecità da un occhio, quindi cecità monoculare e invalidità parziale, alla cecità assoluta. Altro discorso è poi l’assegno di accompagnamento.

Pensione per cecità parziale

Andiamo per ordine, iniziando a parlare di cecità parziale.

La pensione per cecità parziale è destinata ai ciechi parziali di qualunque età (compresi i minori di 18 anni e ai maggiori di 65 anni), che siano in possesso dei requisiti sanitari e amministrativi stabiliti dalla legge. Come per la pensione per ciechi parziali 2016, anche per l’anno 2017 il limite di reddito fissato dall’INPS per accedere al riconoscimento della pensione è di 16.532,10 euro e prevede il pagamento di un importo mensile in favore del cieco parziale pari a 279,47 euro al mese per 13 mensilità. Inoltre, non è incompatibile con l’invalidità di guerra, lavoro o servizio.

Per avere diritto alla pensione di cecità parziale occorre avere riconosciuti i seguenti requisiti:

  • Presenza di cecità parziale con residuo visivo in entrambi gli occhi inferiore a un ventesimo per causa congenita o infortunio sul lavoro o causa di servizio, ma non in guerra;
  • Situazione di difficoltà economica;
  • Residenza stabile sul territorio nazionale;
  • In caso di cittadinanza straniera comunitaria, iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
  • In caso di cittadinanza extracomunitaria, permesso di soggiorno di almeno un anno, secondo quanto previsto dall’art. 41 del testo unico sull’immigrazione.

Il primo passo per presentare la domanda per la pensione di cecità parziale è ottenere dal proprio medico di base un certificato introduttivo.

La domanda per la pensione di cecità va poi recapitata online all’INSP, per questo è sempre consigliabile rivolgersi ai consigli e ai servizi telematici offerti da esperti nel settore. Specialmente se non si ha pazienza e dimestichezza con PIN e codici identificativi e di sicurezza vari.

Pensione per cecità totale

Parliamo adesso di cecità assoluta e indennità di accompagnamento.

Il primo dato da sapere è che la pensione per cecità totale non viene concessa a soggetti minorenni.

La differenza con la cecità parziale sta ovviamente nel fatto che in questo caso bisogna avere riconosciuta una cecità totale. Gli altri requisiti necessari sono identici a quelli stabiliti per la cecità parziale.

Anche per la pensione di cecità totale il limite reddituale da non superare per poterne fare richiesta è di 16.532,10 euro. Ma in questo caso l’importo riconosciuto (sempre per 13 mensilità) è di 302,23 euro per i ciechi non ricoverati e 279,47 euro per i ciechi ricoverati.

Pensi di avere diritto ad una pensione per cecità ma non ti è stata riconosciuta?

Affidati a noi: il nostro team tu aspetta per accompagnarti in tutto l’iter della tua richiesta.

Siamo presenti a Roma, Napoli e Milano per garantirti il massimo supporto e il rispetto dei tuoi diritti.

Compila il form o chiamaci al numero verde 800.700.802

Numero Verde: 800 700 802
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2016 Sportello Legale Sanità SRL - P.IVA 11943161007 - Privacy Policy
Powered by FluidaMente | Smart Web Communication